Close

Guerra invernale alla gommosi

Noto con grande dispiacere che per molti imprenditori agricoli, come arriva l’inverno e il ciliegio è spoglio, senza foglie, è l’occasione buona per non fare più niente!

Di raccogliere ho già raccolto da un pezzo, magari ho fatto anche la potatura ad ottobre/novembre per far schiattare meglio le piante, ci ho menato anche un po’ di concime organico o ce lo butto a breve a gennaio e poi aspetto la fioritura per entrare in campo!

Dopo aver visto la mia faccia, ovviamente, poco entusiasta, mi chiedono spesso:

Eh dottò ma che ci volete fare a ‘ste piante?

Risposta:

Voglio farle a pezzi così abbiamo la legna per l’inverno!

Scherzo!

Nel ciliegeto, come anche nel mandorleto, è molto diffusa la malattia della gommosi o cancro batterico! Ecco ora ti mostro delle foto che ho fatto personalmente durante i miei sopralluoghi in campo:

Per combattere contro questo mostro demoniaco hai quattro strategie con cui “giocare”:

  1. Concimazioni azotate equilibrate.
  2. Irrigazioni fatte quando serve.
  3. Potature dei rami malati ed uso mastice, evitando periodi da ottobre a gennaio per potare.
  4. Trattamenti sul legno a pianta spoglia in inverno.

In pieno inverno, quando il ciliegio ha perso le foglie le prime tre strategie le dovresti già aver applicate da febbraio in modo corretto.

Quindi è il momento opportuno per fare i trattamenti sul legno, altrimenti con questa malattia non ce ne usciamo più!

È chiaro che se sei in biologico puoi usare solo il rame, nel convenzionale puoi usare anche altri principi attivi chimici indicati per i trattamenti invernali per il ciliegio.

Ovviamente quando si fanno i trattamenti a piante spoglie bisogna bagnare il tronco solamente e i volumi di acqua saranno sicuramente dimezzati rispetto a quelli usati per la pianta in piena vegetazione.

Fatto questo passiamo al sodo!

Nel biologico.

Fai due trattamenti, uno a fine novembre/metà dicembre e l’altro a metà gennaio o a fine potatura se la fai a fine gennaio, con ossicloruro di rame.

Mi raccomando però a usare il rame con parsimonia! Durante tutta l’annata agraria sono consentiti massimo 4kg ad ettaro di rame!

Nel convenzionale.

Fare due trattamenti uno a fine novembre/metà dicembre e l’altro a metà gennaio o a fine potatura se la fai a fine gennaio, con ossicloruro di rame e ziram insieme.

In questo caso non ci sono limiti alla quantità di rame da usare durante l’anno.

In entrambi i casi se proprio vuoi fare un trattamento al top o se hai le piante abbastanza martoriate dalla gommosi, aggiungi la zeolite cubana 3kg ad ettaro.

Prima che me ne dimentichi, per favore, visto che a volte mi dite cose da ictus fulminante prima di usare qualsiasi prodotto fate questa cosa:

leggete l’etichetta e rispettate le dosi scritte in etichetta e non usate tanti prodotti tutti insieme!

Se ti senti solo e impotente contro la gommosi o ti vedi le piante seccare per la gommosi e non sai come fare, chiamami!!

Chiama il tuo Agromanager e insieme combattiamo contro questa fitopatologia nei tuoi ciliegeti.

One Comment on “Guerra invernale alla gommosi

  • Elena
    24 Agosto 2022 at 16:01

    Oltre 3 piante di ciliegio di 5/6 anni ho 4 piante di albicocche,3 piante di peshe e 3 piante di susine tutte della stessa eta del ciliegi, piene di gommosi.
    Cosa debbo fare??
    Quando è il giusto periodo della potatura.??

    Rispondi
  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *