Close
manager agricoltura, economia agraria, puglia, gioia del colle, agronomo, nicola giannico

Manager agricolo

Hai la tua bella azienda agricola, ma ti “spacchi la schiena” dalla mattina alla sera per avere pochi/nulli ricavi, debiti e problemi.

“Smettila di dannarti la vita, esci dal tunnel!! Chiama il tuo agromanager!”

“Eh? Chi sarebbe? Un alieno?!”

“No! È un professionista e ora ti spiego cosa fa!”

Il manager agricolo è responsabile della gestione e del buon andamento in un’azienda agricola. Il suo ruolo è quello di pianificare a livello finanziario e organizzativo il lavoro dell’azienda e degli operai, gestendo sia gli aspetti tecnici sia le vendite.

Il manager agricolo è responsabile della gestione di un’azienda agricola, qualsiasi sia il tipo di produzione e attività (coltivazioni arboree, allevamento, produzione di olio e vino ecc.).

Organizza il lavoro di tutte le risorse umane e deve operare in accordo con le indicazioni del proprietario dell’azienda, al quale rende conto dell’andamento.

Uno degli scopi principali del suo lavoro è quello di rendere l’azienda efficiente e redditizia, pertanto i suoi compiti principali sono:

  • pianificare le attività e gestire le risorse finanziarie;
  • monitorare l’andamento economico e gestire l’amministrazione dell’azienda (per esempio tenendo i libri contabili, valutando livelli di produzione e di vendita ecc.);
  • decidere quali sono le coltivazioni o gli animali da allevare, comprese le tecniche e i metodi da utilizzare;
  • stabilire il piano delle lavorazioni e le loro tempistiche (semina, irrigazione, raccolta, nutrizione degli animali ecc.);
  • controllare che le norme di sicurezza vengano rispettate (riguardo l’uso dei macchinari e la manutenzione, l’impiego dei prodotti chimici come i fertilizzanti ecc.);
  • decidere le innovazioni tecniche;
  • selezionare il personale, sia quello stabile sia quello stagionale, e provvedere a formarlo adeguatamente per le attività da svolgere e sulla sicurezza;
  • organizzare il lavoro degli operai e degli altri collaboratori dell’azienda (per esempio gli enologi, i periti ecc.), compresi i turni e gli orari;
  • mettere a punto il piano di acquisti (di sementi, animali, macchinari, prodotti chimici ecc.) e quello per la vendita dei prodotti, considerando le caratteristiche del mercato agricolo e dei prezzi;
  • gestire e tenere i rapporti con i fornitori e clienti;
  • occuparsi di tutte le problematiche tecniche e gestionali che riguardano la produzione dell’azienda.

Oltre alle gestione delle attività direttamente connesse con la produzione agricola, l’agromanager può anche occuparsi della vendita diretta al pubblico (se nella fattoria è presente un negozio), di organizzare visite guidate o vacanze agrituristiche.

L’agromanager ha continui contatti e gestisce le relazioni con:

  • con il proprietario per verificare le decisioni, i piani di lavoro e l’andamento economico;
  • con il personale amministrativo per tutte le attività gestionali e finanziarie (per esempio i contratti del personale, gli ordine delle forniture ecc.);
  • con gli operai agricoli e capisquadra per la gestione del lavoro;
  • con i fornitori, clienti e con i vari consulenti dell’azienda (per esempio l’enologo, il perito agrario ecc.).

Bene, ora capisci il perché tu hai bisogno di me che ti dia una mano a risolvere i tuoi problemi!

 

One Comment on “Manager agricolo

  • Danilo
    5 Agosto 2021 at 11:24

    Ciao sono un allevatore di ovini vorrei sapere delle informazioni generali grazie

    Rispondi
  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *